Una bella giornata di sole ha accorto quest’anno l’UT ARMENTUR BALISTARI, il torneo interno tra i balestrieri volterrani che assegna il titolo di Priore dei Balestrieri e il prestigioso quanto agognato collare di argento messo in palio dalla Compagnia.

Come da tradizione, nella domenica precedente la Festa della Repubblica del 2 Giugno, la Compagnia Balestrieri volterrana accoglie i turisti ed i cittadini nelle splendide atmosfere di Volterra, offrendo un coinvolgimento emozionale che affianca ai bellissimi palazzi cittadini la vita vissuta fin dai tempi del libero Comune.

La Città veste i panni del suo lontano medioevo, offrendo uno spaccato di vita di metà del 1300, quando le Contrade ed i Castelli intorno a Volterra, erano obbligati ad offrire ai Notabili, al Priore della Città ed al Capitano della Compagnia Balestrieri, i migliori tiratori perché si sfidassero per entrare a far parte della milizia cittadina.

Il rintocco di mezzo pomeriggio ha scandito l’inizio del torneo, con un brillante Messer Lurinetto che ha annunciato l’entrata nella Piazza della delegazione del Comune di Volterra: i Notabili, il Priore della Città, il Capitano e il Maestro d’Arme della Compagnia sono usciti dal Palazzo dei Priori scortati dal Gruppo Storico Sbandieratori.

La Piazza si è riempita di tutti i toni della tradizione storica trecentesca di Volterra: l’ingresso dei musici del Comitato e delle Contrade, che con i loro Balitori hanno presentato al cospetto del Capitano della Compagnia e del Priore i loro migliori balestrieri pronti per la tenzone.

Liberato il Campo di tiro, è iniziato il torneo, che si caratterizza per la sfida diretta tra i balestrieri volterrani, che si affrontano l’uno l’altro in duelli diretti dai quali uno solo accede alla Compagnia ed al tiro finale in corniolo.

E questa tensione si è percepita nell’aria, proprio per la consapevolezza dei balestrieri, i quali sanno benissimo che pur gareggiando in un clima di assoluta amicizia e fratellanza, si devono misurare con i migliori balestrieri d’Italia. La paura di non essere all’altezza della Piazza crea quel giusto clima di tensione e paura nel momento in cui il balestriere sale sulla pedana di tiro: i riflettori si accendono sulla balestra ed il pubblico è pronto a giudicare e ad acclamare il migliore.

Ad ogni squillo di chiarine ogni contrada si presentava sul campo di tiro con i propri balestrieri, che nella mattina avevano messo a punto le loro balestre e frecce per dare il meglio nell’unico tiro a loro disposizione per qualificarsi.

La prima sfida è stata tra un novizio e un veterano della compagnia: Marco Colivicchi, che è entrato da poco tempo a far parte dei balestrieri volterrani si è trovato a dover affrontare il Priore uscente. Un misto di tensione, concentrazione ed emozione, che ha dato il via a tutte le tornate di tiro, fino a decretare i nomi del migliore balestriere di ogni Contrada, fino all’ultima sfida che coinvolgeva l’altro novizio: Simone Bartali. Una bella prova per entrambi, perché non è semplice concentrarsi al meglio in una Piazza così impegnativa.

Otto tornate di tiro che hanno determinato gli eletti entrati a far parte della Compagnia. Sono stai questi che si sono fronteggiati sull’ultima sfida sul corniolo o tasso, realizzato dal Maestro Sirigatti Sandro.

La nomina dei Balestrieri e la consegna del panno rosso simbolo della Città ha dato il via alla sfida in corniolo: un solo tiro in simultanea degli otto balestrieri che hanno dovuto dimostrare la propria esperienza, precisione, abilità e velocità, per avere la meglio sugli altri. Come sempre, solo una freccia si è avvicinata più delle atre al centro del bersaglio: la freccia di un balestriere giovane ma ormai esperto: è ALESSIO PERETTI “Scintillino” il nuovo Priore dei Balestrieri, per la Contrada di Porta a Selci.

Accerchiato dagli amici balestrieri, che non gli hanno risparmiato pacche sulle spalle e sorrisi, Alessio ha ricevuto in premio il corniolo e il collare di argento che dovrà portare per tutto l’anno, in rappresentanza della Compagnia.

Un bellissimo risultato per Alessio, un balestriere spontaneo, amico di tutti, che non risparmia una risata con il gruppo e che si merita certamente questo riconoscimento; il più giovane Balestriere volterrano, che ha dimostrato la sua precisione nel tiro già dalla mattina, realizzando una serie di tri di prova senza mai uscire dal centro del bersaglio.

Una bella vittoria per Alessio, che lo ripaga di tutti i sacrifici fatti e che lo fa ben sperare per il futuro, ma che carica questo bravo e giovane balestriere del compito di portare per mano la Compagnia volterrana a raggiungere sempre nuovi ed importanti risultati. Il primo in occasione del prossimo Campionato Italiano, che si svolgerà il 10 e l’11 giugno a Terra del Sole.

Grazie a tutti i gruppi che hanno partecipato all’evento e che lo hanno arricchito: grazie ad Ugo Giulio Lurini, al Comitato delle Contrade della Città di Volterra, al Gruppo Storico Sbandieratori, ai Balestrieri, a chi ci sostiene e a chi crede in noi.

Grazie a tutti ed alla prossima sfida, sperando in sempre migliori risultati.